Le Imprese Dovrebbero Prepararsi ad Affrontare il Collasso della UE?

Postato il Aggiornato il

Il collasso della UE e le imprese

 

L’intellighenzia UE si rende conto dell’instabilita’ dell’Unione Europea, ma e’ lontana dai cittadini; se le cose continuano cosi’, ci sara’ un collasso – come si dovrebbero regolare le imprese?

 

Brexit – l’inizio del collasso dell’Unione Europea?

I festeggiamenti per i 60 anni dei Trattati di Roma hanno rivelato che la stessa intellighenzia UE e’ conscia della situazione altamente instabile dell’Unione Europea.

Come sapete, ho scritto molti articoli profetici sull’unione. Ne cito solo uno, scritto nel 2015 – ovvero in tempi non sospetti – ma che ho appena aggiornato, o meglio ho dovuto aggiornare ben poco: La Caduta degli Dei – Parte 3: l’Inizio della Fine per la UE?

Al di la’ dell’evidente debolezza della UE, tanto che la dichiarazione comune dei capi di stato e’ stata una pura necessita’ di firmare un qualcosa di comune – che comprende tante frasi di circostanza – altri elementi hanno rivelato molto.

Ebbene, ho fatto alcuni esperimenti sui social networks. Ho scelto Twitter perche’ e’ il social piu’ “rapido”, quello che da’ il polso immediato e consente analisi in poche ore. Il risultato e’ stato incredibile.

Altri elementi – che traspaiono anche dai media – hanno rivelato quanto isolata sia l’intellighenzia europea, nonche’ che pur di fare parlare della UE si sia arrivati a gridare Al lupo!

Tutto cio’ mi sa da disperazione – le aziende farebbero meglio a cominciare a prendere in considerazione un futuro che comprende il collasso dell’Unione Europea.

 

L'intellighenzia UE ha gridato Al lupo?
L’intellighenzia UE ha gridato Al lupo?

AL LUPO!

Il questore di Roma – uno dei gradi piu’ alti e prestigiosi della polizia italiana – e’ stato chiaro: ‘L’allarme diffuso e’ stato totalmente ingiustificato.

Si parla dell’allarme relativo a possibili eventi che avrebbero potuto colpire la riunione di Roma, in particolare manifestazioni ed azioni ostili. Si parla di una citta’ praticamente bloccata e militarizzata nonche’, ovviamente, di ingentissime forze tolte all’impiego ordinario di polizia – leggi prevenzione e repressione della criminalita’, nonche’ protezione dei comuni cittadini. Posso comprendere il fastidio espresso dal questore di Roma.

Le parole del questore non sono teorie complottiste, sono fatti. Ne dobbiamo dedurre che qualcuno ha gridato (intenzionalmente o meno) Al lupo! Questo grido ha portato ad un’attenzione mediatica esagerata, a dipingere come potenziali vittime i massimi vertici dell’intellighenzia europea e l’idea stessa di UE. Ha portato anche ad una figura barbina, nonche’ a critiche ovunque da parte della gente comune.

Il sentimento popolare verso la UE e' molto negativo
Il sentimento popolare verso la UE e’ molto negativo

Come ha visto l’evento l’uomo della strada?

Essendo in questi giorni in Italia per tenere un corso all’Ordine degli Ingegneri di Padova – Project management per PMI – nonche’ avendo amici a Roma, ho potuto rilevare quanto segue:

  • Indifferenza pressoche’ totale verso l’evento di Roma e per i 60 anni dei Trattati di Roma
  • Spesso e volentieri, aperta ostilita’ verso l’evento e la UE
  • Fastidio per gli inconvenienti (specie per i romani) e l’evidente volonta’ di rendere la riunione un affare galattico
  • Discorsi non riferibili, me generalmente del tipo: Quando arrivo in stazione – praticamente deserta e non presidiata – la sera neanche un poliziotto, per i politici e la UE un intero esercito – ma che importa ai burocrati UE se mi violentano?

Specifico che l’ultimo caso va generalmente ben oltre nelle considerazioni, e tocca la ben nota politica migratoria europea – cio’ che da quel che sara’ l’innesco dell’eventuale collasso della UE.

Al di la’ di quello che dice la gente, non c’e’ niente di peggio di gridare Al lupo!, ottenere l’attenzione (infastidita) della gente, e poi essere sconfessati in pieno nientemeno che dal questore di Roma. Tutto cio’ sa di disperazione dell’intellighenzia europea e di fastidio dell’uomo della strada – e non solo.

 

La situazione internet e socials sembrerebbe anomala, ma rivela una UE vulnerabile
La situazione internet e socials sembrerebbe anomala, ma rivela una UE vulnerabile

L’ESPERIMENTO SU TWITTER E LA SITUAZIONE SUI SOCIALS

Un venerdi’ ed un sabato ho verificato quanto stava succedendo su Twitter, ed il risultato e’ stato incredibile: quella che sembrerebbe una sovra-esposizione delle posizioni favorevoli alla UE – una priorita’ accordata sempre e comunque ad un articolo del Guardian che credo non si possa definire se non “apologia” dell’Unione Europea con contorno di testo emozionale. Chiunque condividesse il link aveva il suo post in cima ai top, anche se non aveva ne’ likes ne condivisioni – con l’ovvio risultato che tale articolo appariva sempre e comunque al top.

Ovviamente potrebbe essere “colpa” dell’algoritmo, ma questo e’ stato il risultato.

A differenza di quello che accade oggi, la prevalenza dei post pro UE era incredibile – possibile che gli euroscettici si siano “svegliati” solo oggi?

E veniamo agli esperimenti: post – con tanto di foto, quindi apparentemente preferenziali per Twitter – di stile euroscettico, pure con likes e condivisioni, tendevano a finire rapidamente nel dimenticatoio; in ogni caso, non sono mai stati al top.

Twitter come esperimento sulla UE
Twitter come esperimento sulla UE

Ed il settore foto di twitter? Salvo due fugacissime apparizioni, niente. Ma veniamo a cosa appariva su Twitter e sugli altri socials: nel caso degli euroscettici, spesso e volentieri foto di persone comuni; nel caso della fazione pro UE, praticamente solo foto di politici della UE. Su Twitter cio’ era talmente evidente da non potere passare inosservato.

Per ogni altro approfondimento sui socials, rimando a I Padroni del Vapore – Socials e Media.

 

CI SARA’ IL COLLASSO DELLA UE – MA CHE TIPO DI COLLASSO?

Quella che doveva essere la grande festa della UE in occasione dei 60 anni dei Trattati di Roma ha rivelato l’estrema debolezza dell’unione stessa:

  • Praticamente nessun supporto popolare, indifferenza, fastidio o peggio, ecc.
  • Una tendenza a fare apparire l’Unione Europea – o l’intellighenzia – come talmente importante da dovere essere protetta da chissa’ cosa, a cercare a tutti i costi un nemico che non si e’ materializzato e che forse (vedi le parole del questore di Roma) non e’ mai esistito. In poche parole, la cosa e’ generalmente suonata come un tentativo di fare le vittime

    Brexit - e collasso della UE
    La Brexit e’ probabilmente stato solo l’inizio del collasso dell’Unione Europea
  • Una sovra-esposizione su media e socials, sovra-esposizione che hanno notato in tanti ed ha provocato molto fastidi
  • L’incapacita’ di un vero cambiamento di rotta, o anche solo di produrre un documento comune degno dei 60 anni dei Trattati di Roma.

In poche parole, confermo i miei articoli precedenti: l’instabilita’, anche in Europa, aumentera’ sempre di piu’; una UE sul ciglio del collasso non sa reagire se non con cose come l’anniversario, con la reiterazione di mantra stanti e totalmente lontani dalle richieste dei cittadini europei.

Voglio qui ricordare quanto ho scritto – prima della Brexit – in Brexit, la UE ed il Futuro dell’Europa:

[…] Quando e’ nata la CEE (Comunita’ Economica Europea) il clima popolare era ben diverso, ma allora si parlava di speranza, non di pauraIn poche parole, penso che la UE non durera’ a lungo, indipendentemente da come possano andare le cose con la Brexit; potrei sbagliare, ovviamente, ma se fossi un’impresa comincerei a pensare con la mia testa: chi non si lascia cogliere impreparato ha il mondo davanti a se’ […]

Prevedo che se le cose continuano cosi’, non solo ci sara’ un collasso, ma che tale collasso sara’ disastroso.

E le imprese appena citate?

Video – Germany’s Vice Chancellor warns of Europe breakup

 

COME SI DOVREBBERO REGOLARE LE IMPRESE?

Comincio col ricordare parte di quanto scritto nel gia’ citato La Caduta degli Dei – Parte 3: l’Inizio della Fine per la UE?:

[…]

In tali condizioni, per il futuro mi aspetto un continuo declino dell’export ed il collasso dell’UE.

E le aziende?

Imprese dalla UE e collasso dell'Unione Europea
In previsione di un collasso dalla UE, le aziende dovrebbero cominciare a fare vera impresa

Le aziende dovrebbero cominciare a muoversi sempre piu’ con le loro gambe, ad intrattenere rapporti diretti con i paesi obiettivo di export ed internazionalizzazione, a svincolarsi (per quanto possibile) dalle decisioni politiche contrarie agli interessi commerciali. In poche parole, fare come le 50 aziende italiane che sono andate in delegazione in Russia per incontrare il ministro degli esteri russo Lavrov. 

E’ ora che le imprese pensino a fare commercio (soprattutto export) e lascino perdere la caccia alla pietra filosofale dei nostri giorni – i fondi europei.

Ricordo che la caduta dell’Unione Sovietica e’ stata dovuta alla situazione economica: se uno sfaldamento della UE e’ forse inevitabile, questo non significa che le imprese non debbano cercare di salvare il salvabile.

[…]

Il primo messaggio e’ quindi chiaro: i fondi europei stanno diventando un rischio sempre piu’ grande, come lo stanno diventando tutte le forme di sovvenzionamento – vedi ad esempio i voucher per l’internazionalizzazione delle imprese. Il rischio e’ lo stesso di quando una banca fallisce o non puo’ (o non vuole) piu’ onorare gli impegni: ritrovarsi con un pugno di mosche.

Non dico certamente di non approfittare delle occasioni – dico di stare bene attenti a non legare il futuro dell’impresa a quello della UE.

Il secondo messaggio?

Comunque vada a finire, l’instabilita’ e destinata a crescere, forse in Europa piu’ che in altri posti.

PMI ed instabilita' europea
La PMI che si da’ da fare conoscendo le possibilita’ geopolitiche ce la fara’

La soluzione: cominciare a fare vera impresa – come si intendeva un tempo – muoversi con le proprie gambe. E, naturalmente, cominciare a ragionare in termini di instabilita’ inerente – ben pochi paesi possono vantare una stabilita’ paragonabile a quella della Svizzera; per inciso, la Svizzera non fa parte della UE.

Ma per non dilungarmi, consiglio di leggere:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...