Export Manager e Made in Italy

Postato il Aggiornato il

Export manager del made in Italy

Made in Italy – spesso gli export manager delle imprese italiane non acquisiscono business per fattori legati non alla persona in se’, ma ad aspetti culturali prima ancora che tecnici.

Il lavoro del temporary export manager e' molto delicato
Il lavoro del temporary export manager e’ molto delicato

 

IL LAVORO DELL’EXPORT MANAGER

Molti parlano di export manager con una certa leggerezza, esattamente come accade con la dicitura made in Italy.

Invece, si tratta di una figura di grande responsabilita’.

Chi e’ e cosa fa un export manager?

E’ un professionista – consulente od altro – che dovrebbe avere reale esperienza di vita e lavoro all’estero.

Mi sono accorto che pochi sanno casa fa un export manager nella realta’.

Ricordo che non e’:

  1. Un account manager, ovvero una figura che gestisce uno o piu’ clienti
  2. Un’area manager, ovvero un professionista che gestisce un’area di vendita – diciamo alcuni mercati
  3. Non e’ un commerciale estero. Ma per questo aspetto rimando a Il Temporary Export Manager al Tempo dei Cartoni Animati.
Conoscere storia e cultura di un paese estero significa andare oltre i cliche' e la cultura cinematografica
Conoscere storia e cultura di un paese estero significa andare oltre i cliche’ e la cultura cinematografica

Le lacune

In quanto ad alcune delle lacune che ho notato piu’ spesso nella gestione dell’internazionalizzazione e dell’export:

  1. Una pessima conoscenza dell’inglese. In molti casi, cio’ va in paio con una presunta conoscenza adeguata
  2. La pressoche’ totale mancanza di conoscenza della situazione politico-sociale locale – con le ovvie conseguenze catastrofiche
  3. Il buio totale per quanto riguarda la conoscenza di storia e cultura locale.
Per esportare, bisogna comprendere il cliente estero - diversamente, esso rimarra' sempre un enigma
Per esportare, bisogna comprendere il cliente estero – diversamente, rimarra’ sempre un enigma

 

IO PARLO, TU NON MI SENTI, IO NON TI CAPISCO

Le lingue straniere

Tutti sono d’accordo sull’importanza delle lingue per chi gestisce l’internazionalizzazionePochi si chiedono qual’e’ il livello adeguato.

Da questo punto di vista, c’e’ un mito che permea la societa’ italiana – ed a dire la verita’ non solo quella italiana: appena uno sa parlare un po’ l’inglese, e’ convinto di parlarlo bene.

Segue la convinzione che un tecnico che sa esprimere concetti strettamente tecnici legati alla sua nicchia sia in grado di gestire i rapporti con i clienti esteri. Niente di piu’ sbagliato.

Export manager ed internazionalizzazione
L’export manager deve essere in grado di gestire tutti i rapporti che l’internazionalizzazione implica

Cosa vuole il cliente estero?

Il cliente vuole interfacciarsi con personale che sia in grado di gestire ogni aspetto dell’export. Se il personale non e’ di livello adeguato, egli tendera’ a rivolgersi alla concorrenza.

Pensateci un attimo: qual’e’ la percentuale di aspetti non tecnici da chiarire?

C’e’ poi un altro problema: quando si internazionalizza, ben raramente si ha a che fare con professori di Oxford o Cambridge. In poche parole, si va dalla pronuncia non classica a chi parla l’inglese in un modo molto poco comprensibile – accento, modo di parlare, ecc.

Il made in Italy sara' fondamentale per vendere un buon vino od un altro prodotto agroalimentare, ma certamente non per esportare acciaio - giusto per dirne una
Il made in Italy sara’ fondamentale per vendere un buon vino od un altro prodotto agroalimentare, ma certamente non per esportare acciaio – giusto per dirne una

Il made in Italy ed altri miti

Spesso spunta il made in Italy, come se questo mantra potesse supplire a tutto il resto.

Diciamo le cose come stanno: o ci sono garanzie commerciali e di qualita’, o non venderete.

C’e’ talvolta la convinzione che la colpa risieda nella controparte. Magari e’ anche vero, pero’ non bisognerebbe dimenticare che anche se il cliente non ha sempre ragione, e’ lui che ti paga.

Ovviamente, una lingua e’ legata al contesto culturale: forse la grammatica e’ la stessa, ma bisogna parlare in “modo” totalmente differente. E’ anche per questo che sono moto critico dei temporary export manager senza esperienza – esperienza che non si puo’ certamente fare nel corso di un’assegnazione temporanea.

Sinceramente, ne ho sentite di tutti i colori, compreso il mitico Mi capiscono, fanno solo finta di non capire.

Ho visto casi di usi dell'inglese da parte di consulenti di export che possono essere descritti solo con questa immagine - il messaggio che arrivava era di questo tipo
Ho visto casi di usi dell’inglese da parte di consulenti di export che possono essere descritti solo con questa immagine – il messaggio che arrivava era di questo tipo

Quali lingue usare?

Il mio consiglio per gli export manager e’ molto semplice: imparate molto bene l’inglese per cominciare – se non lo fate, non riuscirete mai a gestire gli ulteriori aspetti culturali delle conversazioni.

In questo senso, penso che la conoscenza avanzata di una sola lingua straniera sia preferibile alla conoscenza insci’ insci’ di varie lingue.

Anche se io stesso parlo varie lingue, quando si va sui contratti – parlo di quelli da firmare – preferisco sempre che siano in inglese. Cerco di evitare anche quelli in italiano.

Internazionalizzazione ed export manager
Internazionalizzazione – l’export manager deve mantenere il contatto con la realta’, non con i dettami della sua cultura di provenienza

 

EXPORT MANAGER, GEOPOLITICA, SITUAZIONE POLITICO-SOCIALE LOCALE

La geopolitica e l’export manager

Gia’ conoscete il mio pensieroun export manager che non conosca e pratichi la geopolitica ha delle serie limitazioni. Sono pero’ anche il primo a riconoscere che pochissimi export manager sono in grado di gestire la materia.

E’ tuttavia inaccettabile che un export manager non sia al corrente della situazione politico-sociale locale.

Al di la’ delle conseguenze sull’opera di internazionalizzazione dell’azienda che rappresenta, si rischiano non solo grosse incomprensioni – od addirittura di urtare od offendere il possibile cliente – ma anche di arrivare a contratti svantaggiosi per l’impresa.

Export manager e geopolitica
Un export manager dovrebbe conoscere la geopolitica e mantenere il contatto con la situazione politico-sociale locale. Diversamente, ci potrebbero essere problemi seri

La battuta fuori posto

A questo punto devo parlare di un brutto difetto di alcune culture – italiana inclusa.

Un difetto che tanti guasti ha provocato all’internazionalizzazione delle imprese – specie PMI – italiane: la battuta al momento sbagliato, magari a sfondo (reale o percepito) politico e/o sociale.

Non mi riferisco tanto agli aspetti culturali, aspetti che i buoni export manager conoscono o cercano comunque di studiare in anticipo. Mi riferisco proprio a battute – o affermazioni – che riguardano la situazione locale.

Purtroppo, l’Italia e’ un paese dove la discussione politica permea ogni aspetto della societa’, societa’ che normalmente ben poco conosce degli aspetti locali di altre nazioni. Basta confrontare il tempo dedicato alle notizie estere con quello dedicato a quelle – di solito di politica – interne.

Un export manager non deve mai dimenticare che e' in un paese estero per lavoro, non per essere simpatico a tutti i costi. Presso molte culture, un comportamento non professionale e' inaccettabile e puo' perfino essere offensivo
Un export manager non deve mai dimenticare che e’ in un paese estero per lavoro, non per essere simpatico a tutti i costi. Presso molte culture, un comportamento non professionale e’ inaccettabile e puo’ perfino essere offensivo

Un esempio?

L’operatore italiano ha normalmente una innata simpatia – fattore altamente positivo – che lo porta a creare velocemente un buon rapport con il cliente estero.

Purtroppo, spesso si dimentica che e’ comunque in ambiente business. La troppa familiarita’ lo porta a fare gravi errori, cominciando dal commentare a sproposito situazioni locali e/o regionali.

E qui veniamo all’aspetto successivo.

Video – Il Made in Italy e l’Internazionalizzazione

 

MADE IN ITALY – ED ALTRE CINESERIE

Case studycineserie

Personalmente, apprezzo molto la cultura cinese ed il dinamismo del popolo cinese.

Specifico subito che il termine cineserie e’ un termine tecnico della lingua italiana che deriva dalla storia della lingua. Nulla ha a che fare con la Cina e non e’ inteso in alcun modo come negativo per la Cina.

Visto come puo’ essere facile urtare un cliente estero anche senza volerlo?

Un termine tecnico in una lingua puo’ diventare urtante quando si e’ all’estero. Personalmente, come appena visto, preferisco chiarire subito le cose anche quando scrivo in italiano per un pubblico di lingua italiana.

Export del vino made in Italy
Export del vino Made in Italy

Cominciamo dal made in Italy

Indubbiamente, in alcuni settori – vino, prodotti alimentari tipici, arredamento, design, ecc. – il made in Italy ha un indiscusso valore. Vedi ad esempio Come Fare Export di Vino e Prodotti Alimentari TipiciIn altri settori, e’ invece solo una cineseria.

Se vendete meccanica, il cliente estero apprezzera’ la flessibilita’ della tipica PMI italiana, ma sapete cosa gli importa che sia made in Italy? In questo caso il cliente pretende serieta’, qualita’ e flessibilita’ – non made in Italy.

Ecco come rischia di apparire agli occhi del cliente l'export manager poco accorto. Se sorride, magari non e' perche' siete bravi
Ecco come rischia di apparire agli occhi del cliente l’export manager poco accorto. Se sorride, magari non e’ perche’ siete bravi

Export manager e cineserie

E veniamo ad altre cineserie di alcuni export manager:

  1. La convinzione che basta rendersi simpatici – e magari l’interlocutore pensa Ecco, pasta, pizza e mandolino!
  2. Fare battute – settore minato
  3. Chiacchierare tanto del piu’ e del meno. Invece, mai esagerare ed attenzione a non straparlare ed a finire in un campo minato.

Capirsi con il cliente quando si pensa ad internazionalizzare e’ fondamentale.

Esagerare comporta rischi elevati – anche perche’ ad un certo punto il cliente vuole sentire cose sensate e precise su tempi, costi, rischi, logistica, pagamenti, ecc.

In poche parole: dovete dare l’impressione di essere competenti ed affidabili – il made in Italy non ve la da’.

Prodotto alimentare tipico e vino
Prodotto alimentare tipico e vino Made in Italy

L’aspetto tragico?

Anche quando si parla di internazionalizzare in settori dove il made in Italy conta, pensate forse che non ci siano alternative alla vostra offerta? Soprattutto se il buyer non e’ convinto della vostra competenza ed affidabilita’?

Per finire: il fatto di rappresentare un’azienda italiana – al di la’ dei vantaggi legati ad un paese ben visto un po’ dovunque – non da’ alcuna aura all’export manager.

Occhio a non abusare del made in Italy. Ricordate sempre che non tutto cio’ che e’ associato all’Italia e’ positivo e che – soprattutto – non vi da’ competenze di internazionalizzazione e non vi salva dalle cineserie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.