Situazione in Libia: la Guerra Inevitabile e l’Italia Naif

Postato il Aggiornato il

Situazione in Libia: la guerra si avicina sempre piu’ a Tripoli

L’Italia non comprende la situazione in Libia e se la prende con la Francia. In realta’ una breve guerra aperta e’ preferibile a quella civile ed all’anarchia in atto da anni. La vittoria di Haftar – nemico dell’Isis e dei jihadisti in Libia – e’ forse la soluzione migliore.

Video – War in Libya: Battle for Tripoli escalates | DW News

 

COSA STA ACCADENDO IN LIBIA?

Prima di parlare della situazione in Libia, di geopolitica e di come sta andando la guerra, vediamo le ultime notizie.

Libia: ultime news

Le forze del generale Haftar – LNA, Libyan National Army hanno preso El Azizia e si stanno avvicinando sempre piu’ a Tripoli.

Contemporaneamente, elementi del governo italiano stanno “attaccando” molto duramente la Francia per il suo appoggio al generale Haftar.

Capire la situazione in Libia e' fondamentale. L'Italia e' uno dei pochi attori a non averlo ancora fatto
Capire la situazione in Libia e’ fondamentale. L’Italia e’ uno dei pochi attori a non averlo ancora fatto

Chi appoggia il governo Serraj?

Fondamentalmente, l’ONU, l’Italia, Qatar, ecc.

Inoltre, apparentemente e’ appoggiato anche dalla Turchia. Fra l’altro, la Libia faceva parte dell’impero turco prima di essere conquistata dall’Italia.

In realta’, dopo la caduta di Gheddafi la Libia non e’ mai stata unita sotto un unico governo. In poche parole, il governo Serraj e’ piu’ un pro-forma che altro.

Le milizie che sostengono il suo governo sono estremamente inaffidabili.

Per quanto riguarda la Fratellanza Musulmana, bisogna fare un discorso a parte.

Le ultime notizie confermano l'elevata probabilita' di vittoria del generale Haftar. Tutto sommato, una breve guerra in Libia e' una soluzione migliore del caos, dell'anarchia e della guerra civile che continuano da anni
Le ultime notizie confermano l’elevata probabilita’ di vittoria del generale Haftar. Tutto sommato, una breve guerra in Libia e’ una soluzione migliore del caos, dell’anarchia e della guerra civile che continuano da anni

Chi appoggia il generale Haftar?

Sicuramente l’Egitto – per i motivi che vedremo.

La Francia non sembra certamente ostile ad Haftar. Lo stesso per Russia, Emirati Arabi Uniti e – probabilmente – Arabia Saudita.

Gli Stati Uniti hanno fondamentalmente abbandonato a se’ stesso Serraj.

Riuscira' la Libia ad uscire dall'oscurita' delle milizie e dei gruppi terroristici?
Riuscira’ la Libia ad uscire dall’oscurita’ delle milizie e dei gruppi terroristici?

Caos ed anarchia

Per comprendere meglio cosa e’ accaduto, consiglio la lettura del mio articolo Rischi di Export ed Internazionalizzazione – Rapporto Libia e Dintorni.

In Libia, e specialmente in Tripolitania, c’e’ il caos:

  1. Milizie e gruppi terroristici
  2. Una guerra civile in corso da anni
  3. Un governo – quello di Tripoli – che tale non e’ di fatto. Fara’ forse piacere ad ONU, Italia e media parlare di governo nazionale, ma un riconoscimento internazionale non cambia le cose.
Elementi del governo italiano non hanno assolutamente simpatia per la Francia, ma la geopolitica francese ha molto piu' senso di quella italiana. Inoltre, la Francia opera sul campo per raggiungere gli obiettivi dell'interesse nazionale
Elementi del governo italiano non hanno assolutamente simpatia per la Francia, ma la geopolitica francese ha molto piu’ senso di quella italiana. Inoltre, la Francia opera sul campo per raggiungere gli obiettivi dell’interesse nazionale

IL GENERALE HAFTAR

Prima della campagna in Ciad

Pochi si ricordano di quando Haftar era uno dei principali generali di Gheddafi.

Fu lui a condurre la catastrofica campagna libica contro il Ciad.

Preso prigioniero e caduto in disgrazia, ha vissuto per vent’anni negli USA.

Fatto sta, che si trattava di un generale regolare nella Libia di Gheddafi – un paese “laico” nei fatti.

Il generale Haftar gode dell'appoggio dell'Egitto
Il generale Haftar gode dell’appoggio dell’Egitto

Il grande nemico dell’ISIS e dei jihadisti in Libia

Negli ultimi anni, Haftar ha condotto una campagna militare spietata contro tutti i gruppi radicali.

Al di la’ delle motivazioni politiche, non e’ quindi certamente un amico dei jihadisti.

Per inciso, Isis, Al Qaeda e jihadisti in genere stavano dilagando il Libia.

Prima dell’offensiva contro il governo di Tripoli, le forze di Haftar hanno assestato un duro colpo all’Isia nel sud della Libia.

ONU ed Italia sembrano dimenticare il fattore Isis in Libia e Ciad
ONU ed Italia sembrano dimenticare il fattore Isis in Libia e Ciad

 

ISIS, PROFUGHI E FRATELLANZA MUSULMANA

Isis e Ciad

L’Isis e’ diventata estremamente potente in Ciad. Il paese si sta avviando a diventare una sorta di secondo califfato.

Fra l’altro, le atrocita’ dell’Isis stanno portando a sempre piu’ profughi – che potrebbero riversarsi nel Mediterraneo attraverso la costa libica. Una nuova crisi dei profughi per l’Europa sarebbe una cosa molto positiva per l’Isis.

Le operazioni del generale Haftar nel sud della Libia sono quindi un fattore positivo.

La strategia dell'Isis mira sempre a colpire l'Europa
La strategia dell’Isis mira sempre a colpire l’Europa

La Fratellanza Musulmana

Nel 2018, Khalid al-Mishri e’ diventato il capo dell’Alto Consiglio di Stato. Si tratta di uno dei capi del Partito della giustizia e dello Sviluppo – molto vicino alla Fratellanza Musulmana.

La Fratellanza Musulmana stava diventando sempre piu’ influente in Tripolitania. Il suo principale nemico era la Cirenaica di Haftar.

La geopolitica si fa con i fatti, non con le prese di posizione internazionali
La geopolitica si fa con i fatti, non con le prese di posizione internazionali

 

GEOPOLITICA LIBICA: FRANCIA, EGITTO, RUSSIA, ECC.

La Francia

E’ ben noto l’interesse della Francia in Ciad ed in vari paesi vicini.

Fra l’altro, le poche truppe francesi stanno sostenendo la lotta contro l’Isis ed altre forme terroristiche in parecchi paesi.

Un nuovo governo libico apertamente ostile ad Isis e quant’altro sarebbe una manna per la Francia.

L'Egitto ha bisogno di una Libia stabile ed ostile alla Fratellanza Musulmana. Il governo di Tripoli non puo' dare questi risultati
L’Egitto ha bisogno di una Libia stabile ed ostile alla Fratellanza Musulmana. Il governo di Tripoli non puo’ dare questi risultati

L’Egitto ed i fratelli musulmani

Giova ricordare che con Morsi l’Egitto era caduto sotto il controllo della Fratellanza Musulmana. L’esercito ha poi ripreso il controllo con un colpo di stato.

La posizione dell’amministrazione USA di Obama durante il governo Morsi ha portato all’allontanamento dell’Egitto dagli Stati Uniti.

Ovviamente, l’Egitto non tollera la Fratellanza Musulmana. Non e’ sicuramente felice di una Libia dove la fratellanza e’ estremamente influente.

Al di la' dell'ostilita' verso l'Islam radicale, alla Russia farebbe comodo una Libia nuovamente amichevole
Al di la’ dell’ostilita’ verso l’Islam radicale, alla Russia farebbe comodo una Libia nuovamente amichevole

Russia

Dopo l’allontanamento dagli USA, l’Egitto ha stretto ottimi rapporti con la Russia.

D’altra parte, e’ ben noto che la Russia combatte l’Islam radicale ovunque possibile. Considerata la situazione di parecchie aree russe od ex sovietiche, la strategia russa e’ ovvia.

In questo momento, l'Algeria e' troppo impegnata con i problemi interni per assumere un ruolo decisivo in Libia - con cui confina a sud
In questo momento, l’Algeria e’ troppo impegnata con i problemi interni per assumere un ruolo decisivo in Libia – con cui confina a sud

Algeria, Emirati Arabi Uniti, ecc.

Se il governo della Cirenaica aveva pessimi rapporti con l’Algeria, quest’ultima e’ ora alle prese con problemi interni dopo le dimissioni del presidente.

In ogni caso, parecchi paesi sono sicuramente interessati all’eliminazione di Jihadisti, Isis, Fratellanza Musulmana ed altro dalla Libia.

Siamo realisti: meglio una breve guerra decisiva che decenni di caos, instabilita' ed un paese disseminato di milizie e gruppi terroristici
Siamo realisti: meglio una breve guerra decisiva che decenni di caos, instabilita’ ed un paese disseminato di milizie e gruppi terroristici

 

GUERRA E STABILITA’

La futura cartina della Libia?

Non sara’ forse politically correct dirlo, ma la Libia non puo’ continuare cosi’.

Haftar :

  1. Puo’ vincere
  2. Le sue radici affondano nella Libia “laica” di Gheddafi. E’ stato uno degli ufficiali che ha preso il potere assieme a Gheddafi
  3. Continuera’ a cercare di distruggere i gruppi jihadisti e l’Isis
  4. Cerchera’ di eliminare la Fratellanza Musulmana. Questo lo rende appetibile per moltissimi governi.

Diventera’ un uomo forte? Sinceramente, vogliamo guardare alla Realpolitik invece di eterei concetti idealistici?

Una vittoria di Haftar potrebbe forse porre fine al caos ed all’anarchia in Libia.

In molti ambienti - anche geopolitici - italiani c'e' ancora la convinzione che il Mediterraneo e la Libia siano speciali, qualcosa cui il Paese e' predestinato
In molti ambienti – anche geopolitici – italiani c’e’ ancora la convinzione che il Mediterraneo e la Libia siano speciali, qualcosa cui il Paese e’ predestinato

 

LIBIA E ITALIA

E l’Italia?

Mi sembra evidente che l’Italia:

  1. Non ha la piu’ pallida idea di dove abitino la geopolitica e la Realpolitik
  2. Ha appoggiato Serraj per trarne vantaggi economici – per mantenere quei rapporti privilegiati cui ha sempre ambito anche dopo la caduta di Gheddafi
  3. Non ha compreso che se Haftar sconfigge definitivamente l’Isis ed altri gruppi a sud, diminuira’ il flusso di profughi verso la costa libica.
Una feluca egiziana. Lontana anni luce dalla Realpolitik, l'Italia sembra quasi volere inimicarsi un buon numero di paesi mediterranei
Una feluca egiziana. Lontana anni luce dalla Realpolitik, l’Italia sembra quasi volere inimicarsi un buon numero di paesi mediterranei

I rapporti tra Italia, Francia ed Egitto?

Come abbiamo visto, la Francia non e’ certamente l’unico paese che appoggia Haftar.

Tuttavia, e’ da un po’ che il governo italiano “se la prende” con la Francia. Quanto sta accadendo sembra quasi un tentativo di “scaricare” sulla Francia gli errori di valutazione del governo italiano.

In quanto all’Egitto, l’Italia si e’ incaponita sull’affaire Regeni. O meglio, se l’e’ “presa” solo con l’Egitto, apparentemente senza mai approfondire gli aspetti “inglesi” della vicenda.

Inoltre l’Italia appoggia – anche di fronte alla probabile sconfitta – l’avversario di Haftar. Quest’ultimo e’ nemico della Fratellanza Musulmana.

Per l'Italia, la Libia ha sempre avuto anche un significato ideale - non solo economico
Per l’Italia, la Libia ha sempre avuto anche un significato ideale – non solo economico. Del resto, la conquista della Libia nel 2011 non aveva alcun senso dal punto di vista economico

Realpolitik o che?

Di fronte alla situazione libica, bisognerebbe applicare la Realpolitik.

Invece l’italia:

  1. Non rimedia agli errori di valutazione, abbandonando Serraj come hanno fatto gli USA
  2. Vorrebbe perseguire una politica che vedrebbe la Libia permanentemente in balia di milizie e quant’altro
  3. Non si sta certamente facendo piu’ amico l’Egitto
  4. Chissa’ quando si rendera’ conto che per fermare l’immigrazione dal Nord Africa serve la sconfitta di Isis e jihadisti nell’area – Ciad incluso – ed una Libia stabile.

E si’ che ultimamente in Italia va di moda parlare di geopolitica. Forse andrebbe prima capito cos’e’, e come si fa.

Spesso mi chiedo quanti nominino la geopolitica senza neanche sapere cos'e'. E quanti ne trattino senza saperlo fare
Spesso mi chiedo quanti nominino la geopolitica senza neanche sapere cos’e’. E quanti ne trattino senza saperlo fare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.