temporary export manager

La Disperazione delle Aziende e le Consulenze Internazionali Trendy

Postato il Aggiornato il

Le societa' di consulenza per l'internazionalizzazione, l'export trendy e la disperazione delle aziende

Le consulenze internazionali di export sono un rompicapo per le aziende, PMI per prime: essendo l’internazionalizzazione diventata trendy, ci si sono buttati tutti a pesce, dal consulente che prima faceva tutt’altro alla grande societa’ di consulenza. I consulenti con reale esperienza di vita e lavoro all’estero dovrebbero avere il coraggio di dire come stanno le cose, ma se da un lato il loro messaggio fa fatica a ricevere diffusione su internet e sui socials, dall’altro dovrebbero avere il coraggio di spiegare alle aziende che molti consulenti sono esperti principalmente nell’apparire e/o sono arrivati “ieri”.

Continua a leggere

Il Temporary Export Manager della Meccanica

Postato il Aggiornato il

Temporary export manager della meccanica

Le PMI della meccanica necessitano di un export manager per internazionalizzare, ma hanno due problemi: possono permettersi solo temporary export manager; i TEM – figli dei voucher per l’internazionalizzazione – dovrebbero conoscere il mondo delle imprese meccaniche ed avere un minimo di competenze tecniche specifiche.

 

Temporary export manager del 2017
Il Temporary Export Manager del 2017

Voglio tornare sui temporary export manager, stavolta non solo Italian style – ovvero legati ai voucher per l’internazionalizzazione del MISE.

Penso che sia ora di analizzare un settore specifico, in questo caso la meccanica.

Perche’ la meccanica? Perche’ al momento sembra andare forte; inoltre, in queste settimane ho frequentato spesso il Veneto – ed in particolare Padova – per tenere corsi, seguire PMI, collaborare con l’Ascom di Padova sull’argomento internazionalizzazione delle imprese. Come ben sapete, il Veneto e’ anche terra di aziende meccaniche; inoltre, l’export delle imprese padovane e’ molto positivo in questo momento.

La meccanica e’ un settore molto speciale, un settore di solito molto lontano dalle competenze tecniche (meccaniche) delle societa’ di consulenza. Continua a leggere

Il Temporary Export Manager e l’Arte dell’Equilibrio

Immagine Postato il Aggiornato il

Il temporary export manager e l'arte dell'equilibrio
Il temporary export manager e l’arte dell’equilibrio

 

In occasione del post numero cento di Export OK, mi sono reso conto che alcuni concetti possono essere espressi in modo compiuto solo attraverso le immagini. Ho quindi pensato di alternare articoli ed immagini – tendenzialmente senza ridurre il numero degli articoli.

Il primo post e’ dedicato ad un concetto che non ho mai visto affrontare: la necessita’, per il temporary export manager, di praticare l’arte dell’equilibrio.

Si sente sempre parlare di corsi, di voucher per l’internazionalizzazione, dei vantaggi di ingaggiare i temporary export managers di una specifica societa’ di consulenza per l’internazionalizzazione, di tutto e di piu’. Ben poco si sente invece parlare – o perlomeno io non ho trovato articoli od immagini in merito – delle competenze, sia “tecniche” che soft skills.

Non so se sono l’unico, ma vedo il temporary export manager innanzitutto come un professionista che deve trovare il giusto equilibrio, sia in se’ stesso che nella sua arte – penso che solo la parola arte possa esprimere il concetto.

Per trasmettere il messaggio di un’arte c’e’ un solo modo compiuto – l’immagine.

Che ne pensate? Quali sono i vostri pensieri, che riflessioni vi induce l’immagine di oggi?

100 Post di Export OK – Strategia e Internazionalizzazione

Immagine Postato il Aggiornato il

Export manager, geopolitica e strategie di internazionalizzazione

100 post di Export OK, il blog dedicato ad export, internazionalizzazione, geopolitica, strategie di internazionalizzazione e – naturalmente – export manager, temporary o meno.

 

Temporary export manager, geopolitica e strategie di internazionalizzazione
Il temporary export manager ha bisogno di conoscere la geopolitica e le  strategie di internazionalizzazione per potere aiutare le imprese

Questo e’ il post numero cento di Export OK: il primo post e’ del 4 giugno 2015 – aggiornato poi nel 2017.

100 post sono una grande soddisfazione, anche perche’ vi sono ben pochi blog dedicati ad export, internazionalizzazione, geopolitica e strategie di internazionalizzazione – anzi, che io sappia proprio nessuno. Vi sono vari siti commerciali dedicati ai temporary export manager, ma che io sappia non ve ne sono di dedicati agli export manager che vogliono sapere come muoversi nel complesso mondo odierno.

Nel corso di questi 100 post ho ricevuto numerosi attestati di stima ed incoraggiamenti a continuare: grazie a tutti coloro – e sono veramente tanti – che mi hanno sempre sostenuto.

Grazie anche ai miei numerosi lettori, molti dei quali sono diventati followers – sia direttamente sul blog che via e-mail.

Con questi 100 post, spero di avere aiutato le imprese, soprattutto le PMI e le aziende del made in Italy, a trovare la loro strada nel mondo.

E naturalmente, ecco la sitemap con i link a tutti e cento i post:

https://exportok.com/sitemap/

Export Manager e Made in Italy

Postato il Aggiornato il

Export manager del made in Italy

Export manager e made in Italy: spesso gli export manager – o figure equivalenti – di imprese italiane non acquisiscono business per fattori legati non alla persona in se’, ma ad aspetti che oserei definire culturali prima ancora che tecnici.

 

Temporary export manager e Mise
Il lavoro del temporary export manager e’ molto delicato

Se andiamo sui mitici TEM – Temporary Export Manager “formato” burocrazia italiana – la cosa potrebbe essere complicata.

In quanto alle lacune che ho notato piu’ spesso nella gestione dell’internazionalizzazione e dell’export, si va da una (molto) presunta ottima conoscenza dell’inglese alla pressoche’ totale mancanza di conoscenza della situazione politico-sociale locale – con le ovvie conseguenze catastrofiche. Continua a leggere