Penisola Arabica

Il Grande Buco nell’Acqua – 2: L’Europa si sta Sparando sui Piedi

Postato il Aggiornato il

Case study di internazionalizzazione e consulenza

In questa seconda parte, anche tramite ulteriori case studies, si analizzano i gravi errori dell’Europa in campo geopolitico – ma soprattutto le giustificazioni “morali” addotte – nonche’ le conseguenze sull’export. Cosa dovrebbero fare le aziende per muoversi all’estero nonostante i rischi rappresentati da decisioni nazionali – e/o europee – che le possono danneggiare, come nel caso delle sanzioni contro la Russia? Quale dovrebbe essere il ruolo delle societa’ di consulenza, ben al di la’ dei mitici voucher per l’internazionalizzazione?

Continua a leggere

Il Grande Buco nell’Acqua dell’Europa – 1: Export e Geopolitica

Postato il Aggiornato il

Case study sull'Europa, l'export e la geopolitica

Cosa sta accadendo – in modo peraltro assolutamente prevedibile – nel mondo? Quali sono i nuovi attori e come si stanno muovendo? Quali sono le conseguenze geopolitiche ed economiche, in particolare sull’export delle aziende europee?
Come gestisce i rapporti internazionali con altri paesi l’Europa, quali sono le gravi “colpe” dell’intellighenzia europea e dei media – e di conseguenza dell’opinione pubblica?
Tramite alcuni case studies, in questo primo articolo si parte dal particolare – Arabia Saudita, Iran, Turchia, Cina, India, eccetera – per fare un’analisi generale.

Continua a leggere

Il Qatar ed il Medio Oriente – L’Inferno Geopolitico

Postato il Aggiornato il

Qatar, Arabia Saudita e la crisi in Medio Oriente

 

La crisi tra Qatar ed i paesi guidati dall’Arabia Saudita ha radici geopolitiche profonde, che attingono alle mire egemoniche di Arabia Saudita e Turchia. Tra i possibili sviluppi nel Golfo Persico – ed il Medio Oriente in generale – non necessariamente derivanti dalla crisi: guerre, rivoluzioni, guerre civili. L’area e’ estremamente instabile e l’Arabia Saudita (ma anche altri paesi della Penisola Arabica) e’ probabilmente la nazione piu’ a rischio.

 

Qatar, Arabia Saudita e geopolitica del Medio Oriente
Il Qatar, l’Arabia Saudita e la geopolitica del Medio Oriente

Tutti hanno sentito parlare della crisi tra Qatar ed alcuni paesi islamici – Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Egitto – pochi hanno idea del fatto che vi siano coinvolti altri attori, Turchia per prima. Ancora meno persone sanno cosa sta accadendo nell’Arabia Saudita Orientale – dove la minoranza sciita e’ forte. Infine, praticamente nessuno ha realizzato le conseguenze sulla Siria.

L’argomento e’ indubbiamente complesso – ma non complicato – per cui procediamo per gradi: prima la geopolitica, poi le conseguenze prevedibili sui rischi di export ed internazionalizzazione delle imprese – l’eventuale export manager frettoloso ed interessato solo alle conseguenze puo’ saltare all’ultimo capitolo.

Prima di procedere con l’analisi, consiglio la lettura di Rischi di Internazionalizzazione nella Penisola Arabica, che non solo costituisce un’eccellente base di partenza per questo articolo – sia per l’aspetto geopolitico che per quello dell’internazionalizzazione – ma contiene anche dati estremamente interessanti che richiamero’ in questa analisi. Continua a leggere

Internazionalizzazione – Si Deve Fare con un Progetto, ma Come?

Postato il Aggiornato il

Progetto di internazionalizzazione delle imprese

Domanda: al di la’ che si tratti di internazionalizzazione, di semplice export o di quello che volete, qual’e’ l’obiettivo – e lo scopo per cui sono nate – delle imprese?

Risposta: vendere quanto viene prodotto o lavorato, incassare e guadagnare.

Ovviamente, l’azienda dovrebbe guadagnare abbastanza da garantire (perlomeno) l’esistenza dell’azienda stessa ed una vita dignitosa sia ai proprietari che a chi ci lavora.

In breve: il business case aziendale – questo sconosciuto – deve essere sempre valido.

Parlero’ piu’ in dettaglio del business case nel capitolo Perche’ un progetto? Quello che mi interessa sottolineare ora e’ che l’impresa che vuole fare internazionalizzazione dovrebbe procedere in base ad un progetto – od entrare a fare parte di tale progetto se quest’ultimo e’ frutto di un’iniziativa esterna.

Internazionalizzazione, progetto ed export managerA questo punto c’e’ un’altra domanda – che nessuno di solito di pone – ovvero che progetto?

Da quando il project management – al secolo gestione progetti – e’ diventato di moda, tutti dicono di fare progetti e tutti sono diventati project managers. Per capirci, e’ come per l’internazionalizzazione: appena e’ diventata di moda, tutti sono diventati export managers.

La verita’?

Gran parte di coloro che parlano di progetti – dispiace dirlo, ma tante societa’ di consulenza hanno molta colpa di cio’ – non sa cosa sia un progetto; figuratevi se sa cos’e’ un progetto di internazionalizzazione!

E naturalmente non solo ci sono progetti e progetti, ma, essendo il progetto un oggetto complesso, vi sono anche modi totalmente opposti di concepirlo.

La domanda che pero’ ora l’imprenditore si sta ponendo e’: ma allora qual’e’ il tipo di progetto giusto per l’internazionalizzazione della mia impresa? Continua a leggere

Rischi di Export ed Internazionalizzazione: Rapporto su Penisola Arabica e Dintorni

Postato il Aggiornato il

Rischi di export e internazionalizzazioneCedo alle richieste e faccio un esperimento: un rapporto condensato, relativo a quelle che appaiono le aree piu’ a rischio per export ed internazionalizzazione.

Non si tratta di cercare di includere tutti i rischi in giro per il mondo, ma solo di fare uno snapshot di un’area che al momento appare come quella piu’ meritevole di un’analisi geopolitica – una scelta personale, insomma.

Visti i recenti (e recentissimi) fatti, per questo primo esperimento ho scelto la Penisola Arabica e dintorni; ho aggiunto considerazioni sul prezzo del petrolio e conseguenze per le imprese. Continua a leggere

Rischi di Internazionalizzazione nella Penisola Arabica

Postato il Aggiornato il

Rischi di internazionalizzazione per le imprese nella penisola arabicaDurante la pausa del convegno sull’internazionalizzazione delle imprese, che ho organizzato per la Federazione Ordini degli Ingegneri del Veneto, si e’ parlato della penisola arabica e del livello di rischio.

La cosa e’ nata dalla Country Risk Map della Sace: tale mappa riportava infatti l’Arabia Saudita come Low risk – Basso rischio (Credit risk index); la tonalita’ del verde era la stessa di Francia, Belgio, Olanda, Austria e Repubblica Ceca. Devo anche specificare che in seguito, forse anche grazie a questa chiacchierata amichevole, il colore dell’Arabia Saudita e’ stato poi modificato nell’edizione 2017.

La stessa mappa riportava anche una spiegazione metodologica, Risk indicator methodology, da cui risulta che e’ stato preso in considerazione anche il fattore violenza politica (political violence), ovvero ‘… war, terrorism and civil disturbance …’

Ora, non e’ assolutamente mia intenzione criticare SACE, che ha gentilmente partecipato al convegno ed il cui relatore ha fatto un’eccellente ed utilissima presentazione – si trattava della presentazione “speciale” per le occasioni “istituzionali”.

Il mio intento e’ quello di sottolineare come spesso le analisi del rischio in un certo paese siano basate molto sull’aspetto economico ma poco su quello politico – e siano forse, per l’aspetto politico, sulla scia di quanto fatto da molti governi – nonche’ di rimarcare quello che mi sembra un modo migliorabile di valutare la stabilita’ politica di un paese.

Per fare cio’, prendero’ come esempio proprio la penisola arabica – la stessa penisola scelta come meta di internazionalizzazione (in particolare Dubai) da tante imprese italiane. Continua a leggere