Social networks

La Disperazione delle Aziende e le Consulenze Internazionali Trendy

Postato il Aggiornato il

Le societa' di consulenza per l'internazionalizzazione, l'export trendy e la disperazione delle aziende

Le consulenze internazionali di export sono un rompicapo per le aziende, PMI per prime: essendo l’internazionalizzazione diventata trendy, ci si sono buttati tutti a pesce, dal consulente che prima faceva tutt’altro alla grande societa’ di consulenza. I consulenti con reale esperienza di vita e lavoro all’estero dovrebbero avere il coraggio di dire come stanno le cose, ma se da un lato il loro messaggio fa fatica a ricevere diffusione su internet e sui socials, dall’altro dovrebbero avere il coraggio di spiegare alle aziende che molti consulenti sono esperti principalmente nell’apparire e/o sono arrivati “ieri”.

Continua a leggere

Google e Socials – Opportunita’ o Pietra al collo?

Postato il Aggiornato il

Google, i socials e la consulenza di internazionalizzazione

Google e vari socials sono opportunita’ per le aziende e le societa’ di consulenza – nonche’ per l’export e l’internazionalizzazione per primi – oppure sono diventati non solo dei padroni ma anche una palla al piede? Cosa dovrebbe fare l’imprenditore od il consulente che vuole fare business? Vi sono tools alternativi estremamente efficaci in settori e/o paesi esteri, strumenti che possono condurre ad eccellente business senza sforzi e spese enormi per cercare di adeguarsi continuamente a Google ed ai social networks piu’ noti.

Continua a leggere

Referendum Costituzionale in Italia – Aspetti Geopolitici, di Comunicazione e Marketing

Postato il Aggiornato il

Referendum sulla riforma costituzionale ed effetti sulla UEL’importanza del risultato del referendum italiano sulla riforma costituzionale non e’ assolutamente da trascurare, anche perche’ e’ piena di insegnamenti per un export manager; i motivi sono vari, ma cerchero’ di riassumere i piu’ importanti:

  • Il risultato e’ stato molto legato alla popolarita’ – od impopolarita’ – della UE.
  • Contemporaneamente, in Austria si votava di nuovo al ballottaggio per l’elezione del presidente: le differenti direzioni prese dai due paesi rivelano cose interessanti
  • La riforma avrebbe tolto tantissimo potere ai cittadini italiani – vedi ad esempio il senato non elettivo – andando quindi in senso opposto alla tendenza che si sta manifestando in praticamente tutti i paesi, Italia per prima
  • Il testo della riforma costituzionale italiana assegnava moltissimo potere alla UE, mettendola praticamente al pari con la nuova costituzione, per cui il governo italiano stava effettivamente andando in direzione di una Unione Europea sempre piu’ forte – in evidente contrasto col sentimento popolare
  • Marketing: in Italia, il peso relativo dei media tradizionali (TV in primis) e’ ancora molto forte rispetto a quello di internet e dei social networks; tuttavia, l’ultima settimana della campagna ha visto uno sforzo straordinario, proprio sui socials, del fronte del si’. Continua a leggere