Come Fare Internazionalizzazione di Impresa in Romania?

Postato il Aggiornato il

Internazionalizzazione di impresa in RomaniaVisto che stavo organizzando un convegno ufficiale della Federazione Ordini Ingegneri Veneto sull’internazionalizzazione, ho avuto la possibilita’ di assistere ad un interessante evento sull’internazionalizzazione ad Expo Aquae.

Argomento: la Romania.

Come nel caso del convegno su Russia e CSI e del convegno sul Marocco, si trattava di un evento sponsorizzato che pero’ era ben fatto, con il patrocinio del MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) e la collaborazione, tra gli altri, di Unioncamere Veneto e di Aquae Venezia.

Specifico che non ho, ne ho mai avuto, rapporti con la banca organizzatrice.

In breve: in Romania ci sono molte opportunita’, soprattutto nei settori agricolo, agricolo – meccanico, agroalimentare, ambientale, infrastrutture e trasporti, edilizia.

Preciso che non riporto qui tutti gli interventi, mi limito a riportare e commentare alcune parti che mi sembrano degne di nota.

Elaborazioni e commenti sono miei e non possono essere ascritti ai relatori; ho talvolta cambiato l’ordine dei punti esposti, in modo da dividerli in base a criteri piu’ adatti ad un testo. Continua a leggere

La Scoperta del Gas Egiziano – Le Conseguenze

Postato il Aggiornato il

Scoperto giacimento di gas in EgittoL’ENI ha scoperto un mega giacimento offshore di gas in Egitto; in base ad una stima prudenziale, si tratta di fino a 850 miliardi di mc. Il giacimento diventa ancora piu’ interessante dopo l’incidente (?) avvenuto in Austria e l’evidenza di una grave carenza energetica – vedi Senza Gas e Senza Petrolio si Muore – il Mondo delle Favole dell’Europa – di tanti paesi europei.

Questo non potra’ non avere notevoli conseguenze geopolitiche, nonche’ effetti sulle quotazioni delle fonti energetiche.

La scoperta dovrebbe interessare anche le imprese che fanno export ed internazionalizzazione, perche’ i benefici della scoperta sono previsti a breve termine: l’Egitto potrebbe diventare un eccellente mercato, tra l’altro a poca distanza dall’Italia.

Pero’ ci sono alcuni ma, ed il primo e’ che la politica Occidentale nell’area deve cambiare radicalmente. Il secondo e’ l’affaire Regeni, che ha guastato i rapporti governativi tra Italia ed Egitto. Continua a leggere

Perche’ sono stati Ignorati i Dati di Export ed Import? Le Conseguenze della Crisi Cinese

Postato il Aggiornato il

Crisi cinese di import ed exportGia’ ad aprile 2015 era stato rilevato il pessimo andamento di export ed import cinesi, nonche’ lo scollamento tra le borse e l’economia reale.

Inoltre, quanto e’ accaduto con il crollo delle borse cinesi non era imprevedibile, perche’ vari analisti avevano sottolineato le fragili basi della crescita cinese; forse era imprevedibile il quando, ma una buona analisi dei rischi che avesse compreso il fattore prossimita’ non avrebbe assolutamente potuto escludere questo lasso di tempo.

Cio’ nonostante, molte societa’ di consulenza per l’internazionalizzazione hanno spinto – e spingono – in favore della scelta del mercato cinese da parte delle imprese italiane.

Al di la’ delle previsioni, e’ evidente che quanto sta accadendo non potra’ non avere effetti di prima grandezza sulle aziende che stanno facendo export verso la Cina; l’effetto sara’ massimo su chi sta internazionalizzando, specie se PMI. continua a leggere

Voucher per l’Internazionalizzazione delle PMI – Vi Giochereste l’Impresa?

Postato il Aggiornato il

Temporary export manager ed internazionalizzazione

Voucher per l’internazionalizzazione e Temporary Project Manager (TEM) – accoppiata vincente o strategia di internazionalizzazione perdente?


Temporary export manager di fiducia per PMI
I lavori delicati richiedono persone con grande esperienza e di fiducia

Questa settimana metto un post di commento – il bello del tenere un blog a livello privato sta proprio nel potere esprimersi liberamente.

L’argomento e’ molto d’attualita’: i voucher per l’internazionalizzazione delle PMI o delle reti d’impresa – fondamentalmente, delle sovvenzioni statali che in cambio di 10.000 E (piu’ almeno 3.000 messi dall’impresa) obbligano l’azienda a servirsi dei servizi di una specifica serie di aziende di consulenza inserite in un elenco ministeriale.

Lo scopo sarebbe favorire l’internazionalizzazione, ma nessuno si chiede che strategia d’internazionalizzazione sarebbe mai questa?

La domanda di fondo che pongo e’: voi vi giochereste il futuro della vostra amata PMI scegliendo un temporary export manager non di vostra fiducia, il tutto per 7.000 E? Continua a leggere