Voucher per l’internazionalizzazione

Il Grande Buco nell’Acqua – 2: L’Europa si sta Sparando sui Piedi

Postato il Aggiornato il

Case study di internazionalizzazione e consulenza

In questa seconda parte, anche tramite ulteriori case studies, si analizzano i gravi errori dell’Europa in campo geopolitico – ma soprattutto le giustificazioni “morali” addotte – nonche’ le conseguenze sull’export. Cosa dovrebbero fare le aziende per muoversi all’estero nonostante i rischi rappresentati da decisioni nazionali – e/o europee – che le possono danneggiare, come nel caso delle sanzioni contro la Russia? Quale dovrebbe essere il ruolo delle societa’ di consulenza, ben al di la’ dei mitici voucher per l’internazionalizzazione?

Continua a leggere

Il Temporary Export Manager della Meccanica

Postato il Aggiornato il

Temporary export manager della meccanica

Le PMI della meccanica necessitano di un export manager per internazionalizzare, ma hanno due problemi: possono permettersi solo temporary export manager; i TEM – figli dei voucher per l’internazionalizzazione – dovrebbero conoscere il mondo delle imprese meccaniche ed avere un minimo di competenze tecniche specifiche.

 

Temporary export manager del 2017
Il Temporary Export Manager del 2017

Voglio tornare sui temporary export manager, stavolta non solo Italian style – ovvero legati ai voucher per l’internazionalizzazione del MISE.

Penso che sia ora di analizzare un settore specifico, in questo caso la meccanica.

Perche’ la meccanica? Perche’ al momento sembra andare forte; inoltre, in queste settimane ho frequentato spesso il Veneto – ed in particolare Padova – per tenere corsi, seguire PMI, collaborare con l’Ascom di Padova sull’argomento internazionalizzazione delle imprese. Come ben sapete, il Veneto e’ anche terra di aziende meccaniche; inoltre, l’export delle imprese padovane e’ molto positivo in questo momento.

La meccanica e’ un settore molto speciale, un settore di solito molto lontano dalle competenze tecniche (meccaniche) delle societa’ di consulenza. Continua a leggere

Voucher per l’Internazionalizzazione delle PMI – Vi Giochereste l’Impresa?

Postato il Aggiornato il

Temporary export manager ed internazionalizzazione

Voucher per l’internazionalizzazione e Temporary Project Manager (TEM) – accoppiata vincente o strategia di internazionalizzazione perdente?


Temporary export manager di fiducia per PMI
I lavori delicati richiedono persone con grande esperienza e di fiducia

Questa settimana metto un post di commento – il bello del tenere un blog a livello privato sta proprio nel potere esprimersi liberamente.

L’argomento e’ molto d’attualita’: i voucher per l’internazionalizzazione delle PMI o delle reti d’impresa – fondamentalmente, delle sovvenzioni statali che in cambio di 10.000 E (piu’ almeno 3.000 messi dall’impresa) obbligano l’azienda a servirsi dei servizi di una specifica serie di aziende di consulenza inserite in un elenco ministeriale.

Lo scopo sarebbe favorire l’internazionalizzazione, ma nessuno si chiede che strategia d’internazionalizzazione sarebbe mai questa?

La domanda di fondo che pongo e’: voi vi giochereste il futuro della vostra amata PMI scegliendo un temporary export manager non di vostra fiducia, il tutto per 7.000 E? Continua a leggere

Il Crollo dell’ Export Italiano verso la Russia, Meccanica per Prima – Perche’?

Postato il Aggiornato il

Export e meccanica in Russia

 

A causa delle sanzioni UE, la meccanica made in Italy – ma anche altri settori come l’agroalimentare e l’arredamento – ha subito dei colpi durissimi, soprattutto in Veneto. I voucher per l’internazionalizzazione ed i temporary export manager Italian style non sono una soluzione alle necessita’ delle imprese venete, specie se PMI.

 

Export della meccanica Veneta
Export della meccanica – cuscinetti a sfera

Ovvero: sulla mancanza di analisi delle lezioni dell’esperienza.

Tempo fa, su questo blog, avevo parlato le previsioni delle conseguenze sull’export delle sanzioni verso la Russia.

Le conseguenze si sono poi fatte sentire in tutta la loro portata; in alcuni settori (quelli di tante PMI venete) le conseguenze sono semplicemente devastanti: prendendo come esempio i dati ICE di maggio 2015, macchine utensili -66.3%, agroalimentare -43.2%, arredamento –35.8%.

La media dell’export italiano verso la Russia: -24.7%. E’ pur vero che recentemente l’export e’ migliorato, ma i danni fatti sono pressoche’ irrecuperabili. Continua a leggere